Parrocchia SS Redentore

Venerdì 6 Dicembre 2019

Il decennio tra il 1938 e il 1948 (anno di costituzione della nostra parrocchia) fù un periodo di grande attività pastorale (anche se non ancora parrocchiale): nacquero le sezioni di Azione Cattolica maschile, femminile e giovanile, la corale S. Cecilia, la compagnia teatrale filodrammatica.

Si organizzarono stabilmente i primi cammini di catechesi per i ragazzi e di formazione per gli adulti. Nel frattempo erano arrivati le suore della Presentazione, inviate dalla parrocchia di S. Giuseppe in aiuto a don Elvio, che si erano sistemate in affitto dentro la casa di Via Monte San Michele 141; con loro ebbe inizio anche l'attività dell'asilo, sistemato nei locali attigui all'oratorio. La parrocchia aveva cominciato ad acquistare un volto, e questo volto era sorridente, accogliente, cresceva di anno in anno il coinvolgimento della gente nelle attività proposte. Sull'onda di questo entusiasmo si arrivò velocemente al 1948, quando -passate la guerra e la paura - don Elvio divenne ufficialmente primo parroco, su nomina dell'Arcivescovo di Milano. Si può leggere qui sotto il decreto arcivescovile di nomina.

Ma ripercorriamo le date decisive di quella storica annata 1948-1949:

  • 8 Dicembre 1948: (festa dell'Immacolata Concezione di Maria): nasce la nuova parrocchia con il Decreto di Costituzione (vedi primo capitolo ).
  • 14 Dicembre 1948: don Elvio è ufficialmente e solennemente “immesso nel canonico e reale possesso ” della parrocchia del SS. Redentore e S. Francesco.
  • 29 maggio 1949: ingresso ufficiale di don Elvio nella chiesa come nuovo parroco.

Il nuovo parroco don Elvio non era quindi per nulla nuovo al rione Vittoria! La sua presenza e la sua cura pastorale continuarono nella scia degli anni precedenti, con un aumento progressivo delle attività e degli impegni; erano gli anni della grande ricostruzione del Paese dopo la guerra, e c'era molto smarrimento tra gli uomini e le donne di allora... Rischio in quel tempo era quello di aggregare le persone solo intorno alla ricostruzione materiale della vita (per quanto necessaria!); un prete non poteva fermarsi a questo... Don Elvio diede speranza, impartì futuro nel nome di Gesù, il “ buon pastore che conosce le sue pecore e le pecore lo seguono ”: incrementò la formazione spirituale con pellegrinaggi, giornate di preghiera, missioni straordinarie nelle case, oltre alla normale catechesi. Istituì le prime feste patronali, e soprattutto contribuì a diffondere una sincera e profonda devozione a Maria, che acquistò subito dimensione popolare nel rione. Attenzione a parte merita la crescita dell'oratorio; don Elvio stesso aveva chiesto all' Arcivescovo, con la sua nomina a parroco, di poter essere aiutato nel lavoro pastorale da altri preti, che si occupassero a tempo pieno dell'oratorio. Ecco il documento originale che introduce don Elvio Zenoni parroco della nuova Parrocchia e la domanda scritta per ottenere dei sacerdoti collaboratori.

Accedi

LITURGIA DELLE ORE
LODI MATTUTINE
ORA MEDIA - TERZA
ORA MEDIA - SESTA
ORA MEDIA - NONA
VESPRI
COMPIETA
MESSALE DEL GIORNO
 A cura di liturgiagiovane.org